Come superare il disturbo alimentare e la dismorfia corporea

Se combatti con un disturbo da dismorfismo corporeo o un disturbo alimentare, puoi combatterlo con una forte forza di volontà.

L’idea della dismorfia corporea è che le persone sono ossessionate dal loro aspetto e credono di non essere abbastanza brave. Può essere un disturbo in cui le persone pensano di essere troppo grasse o troppo magre. Potrebbero anche avere un disturbo alimentare come l’anoressia o la bulimia.

I disturbi alimentari possono essere difficili da guarire, ma ci sono modi per ottenere aiuto. Un modo è attraverso la terapia, che ti aiuta a disimparare i pensieri negativi sul tuo corpo e a guarire il dolore emotivo dietro di essi.

Dovresti amare il tuo corpo! Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Il disturbo alimentare più comune è l’anoressia nervosa. Questo disturbo è caratterizzato dal rifiuto di una persona di mantenere un peso sano, un’immagine corporea distorta e un’intensa paura di ingrassare.

I disturbi alimentari non riguardano solo cibo e peso. Riguardano anche il perfezionismo, il controllo e il desiderio di approvazione da parte degli altri. Uno degli aspetti più difficili del recupero da un disturbo alimentare è imparare a disimparare ciò che sai sul cibo, sul peso e sull’immagine corporea.

Ecco alcuni suggerimenti che mi hanno aiutato a riprendermi dalla mia lotta con un disturbo alimentare:

1. Concentrati su te stesso

Concentrati su chi sei nel profondo e su cosa ti fa sentire bene nella tua stessa pelle. Imparare a rilasciare i messaggi passati in modo da poterti concentrare sulla vita nel momento presente ti aiuterà a riconnetterti con ciò che significa essere umani. Trova un modo efficace per vedere il tuo corpo perfetto e liberare i sentimenti di vergogna o colpa associati al cibo o al peso corporeo.

2. Disimparare le cose che ci hanno insegnato sul cibo e sul nostro stesso corpo

Possiamo rilasciare la vergogna dentro di noi seguendo il nostro intuito, fidandoci di noi stessi e chiedendo aiuto. Possiamo celebrare i nostri corpi, piuttosto che denigrarli. Possiamo essere compassionevoli verso noi stessi e sfidare la cultura della dieta e del digiuno. Sappi che sei abbastanza così come sei. Mantenere un sano rapporto con il cibo significa che non è più un’ossessione, ma piuttosto qualcosa che nutre il nostro corpo e porta gioia.

dispnea corporeaNon essere ossessionato dal tuo aspetto. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

2. Il rilascio

I disturbi alimentari e la dismorfia corporea sono gravi malattie mentali che spesso vengono fraintese. Questo perché le persone che soffrono di queste malattie le vivono in modi diversi. Devi essere disposto ad affrontare con coraggio le tue paure più profonde e oscure e andare oltre ciò che potresti credere sia possibile. Il rilascio non è uno sforzo passivo; richiede un impegno totale. Anche il rilascio non è una strada a senso unico. Questo processo è progettato per restituire, non solo in termini di rilascio di energia, ma anche di guarigione, potenziamento e illuminazione. Il giusto supporto per questo lavoro è colui che è impegnato nella trasformazione personale.

4. Accettazione

È importante ricordare che i disturbi alimentari e la dismorfia corporea non colpiscono solo la persona malata. Colpiscono anche coloro che li circondano. La cosa più importante da ricordare quando si cerca di superare questi disturbi è che si ha una scelta. Puoi vivere la vita come vuoi e non lasciare che la tua malattia imponga la tua vita. Quando hai un disturbo, è importante imparare a prenderti cura di te stesso fornendo al tuo corpo i nutrienti e il riposo di cui ha bisogno. Puoi iniziare camminando, meditando e incontrando un allenatore o un consulente professionista.

Leggi anche: Non sei sicuro del tuo aspetto? Ecco come puoi affrontarlo

disordine alimentareUn disturbo alimentare non fa bene alla salute mentale. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Per guarire completamente da qualsiasi malattia mentale è necessaria una comprensione di te stesso e di ciò che scatena il tuo disturbo. Ad esempio, ci sono molti fattori scatenanti come stress, privazione del sonno o noia. Sii disposto ad accettare e imparare come reagisce il tuo corpo a questi fattori scatenanti per sapere come reagire quando si verificano in scenari di vita reale. È importante che le persone si rendano conto di essere belle indipendentemente dalle dimensioni o dalla forma che hanno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.