Ecco come gestire i sintomi dell’artrosi

Se hai avuto sintomi di osteoartrite, come gonfiore, rigidità e dolore articolare, prova questi metodi per far fronte.

L’artrosi è la forma più comune di artrite o condizione articolare che colpisce principalmente le articolazioni che sopportano più peso. Quindi, i termini tra cui “usura”, artrite degenerativa o malattia articolare sono spesso usati in modo intercambiabile per descrivere i sintomi dell’osteoartrite.

Quali sono le cause dell’artrosi?

Ci sono due cause principali dell’artrosi: primaria e secondaria. Primaria essendo la forma generalizzata, è una malattia eterogenea, con molteplici cause. In genere riguarda i pollici, le dita, le ginocchia, la colonna vertebrale, i fianchi e gli alluci. Considerando che l’artrosi secondaria è principalmente causata da un’anomalia articolare preesistente.

Le quattro cause principali di osteoartrite secondaria includono

  1. Artrite infiammatoria, ad esempio gotta, psoriasica o reumatoide
  2. Lesioni o traumi ricorrenti (legati allo sport).
  3. Disturbi articolari genetici tra cui Ehlers-Danlos (etichettato anche come disturbi articolari a doppia articolazione e ipermobilità/metabolici/congeniti).
  4. Artrite infettiva.

Inoltre, dati gli effetti cumulativi del danno articolare nel tempo, l’età è un fattore di rischio comune che contribuisce all’artrosi. Tuttavia, non tutti gli anziani possono sviluppare l’artrosi o il dolore associato alla condizione. Inoltre, altri rischi noti per lo sviluppo della condizione possono includere genetica, diabete, obesità, aumento del colesterolo e diminuzione degli estrogeni nelle donne in post-menopausa.

L’obesità può anche contribuire all’artrosi. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Quali pericoli comportano i sintomi dell’artrosi?

L’osteoartrosi innesca la rottura della barriera protettiva o del tessuto osseo chiamato “cartilagine”, portando al contatto osso su osso, cioè. le ossa all’interno delle articolazioni si scontrano. Di conseguenza, i sintomi più osservati includono rigidità articolare, dolore e infiammazione cronica, ridotta libertà di movimento e flessibilità, disagio e tenerezza nelle articolazioni colpite, crepitio o clic, grattugiare, crepitio e grumi ossei extra relativamente indolori.

Come accennato in precedenza, l’artrosi è caratterizzata come una condizione degenerativa dell’articolazione che può progredire dagli stadi da 0 a 4 – 0 essendo l’articolazione tipica, mentre 4 denota un’osteoartrite grave. In un caso più avanzato di osteoartrite, possono verificarsi gonfiore articolare o ampia perdita di cartilagine nell’articolazione o anche nella regione circostante a causa dell’aumento del dolore e dell’infiammazione nel tempo.

corpo malsanoCrampi e rigidità alle gambe sono anche uno dei sintomi dell’artrosi. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Come gestire i sintomi dell’artrosi?

Il trattamento per questa condizione articolare dipende dalla gestione dei sintomi, ovvero il tipo di trattamento dipende in gran parte dalla gravità dei sintomi del paziente e dall’area interessata. In alcuni casi i fattori contribuenti sono modificabili, mentre altri rimangono non modificabili. Idealmente, i farmaci da banco e topici (OTC), i cambiamenti nello stile di vita (aumento dell’attività fisica, gestione del peso o sonno adeguato) o i rimedi casalinghi (impacco caldo o freddo) dovrebbero essere sufficienti per fornire il necessario sollievo dal dolore dai comuni gonfiore e rigidità articolare.

Nel complesso, sebbene spesso considerata cronica, la valutazione generale della condizione suggerisce che i sintomi dell’osteoartrosi sono sia gestibili che curabili con un trattamento e una cura tempestivi, insieme a cambiamenti positivi nello stile di vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.