Ecco come prendersi cura di un bambino con disturbo bipolare

In occasione della Giornata Mondiale del Bipolare, dovremmo comprendere la necessità di sensibilizzare su problemi neurologici come il disturbo bipolare, soprattutto nei bambini.

I disturbi neurologici nei bambini sono una delle principali cause di disabilità a lungo termine in tutto il mondo. Molti dei loro sintomi persistono nell’età adulta e hanno un impatto importante sulla qualità della vita. Un’indagine ha mostrato che la prevalenza di problemi neurologici come il disturbo bipolare nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni nell’India settentrionale era di 27,92 per 1000. Un altro sondaggio ha mostrato una prevalenza di 31,3 per 1000 bambini nella fascia di età compresa tra 9 e 15 anni. Prendersi cura dei bambini con questi disturbi è spesso una sfida per genitori e tutori.

In che modo i genitori dovrebbero riconoscere i segni di un disturbo neurologico nei bambini?

È importante che i genitori riconoscano presto questi disturbi poiché alcuni di essi possono essere curabili o trarre beneficio dalle terapie disponibili. Un disturbo in cui i genitori possono cogliere i primi segni è l’autismo. Di solito, i bambini in via di sviluppo sono di natura sociale. Guardano i volti, rispondono alle voci e sorridono dai 2 ai 3 mesi di età. Al contrario, la maggior parte dei bambini con autismo ha problemi nelle interazioni umane quotidiane. Entro un anno di età, possono presentare sintomi come mancata risposta ai nomi, balbettio ritardato e ridotto interesse per le persone. I bambini con disturbo bipolare preferiscono giocare da soli, non imitano le azioni degli altri e hanno capacità di parola e comunicazione ritardate. Queste bandiere rosse possono aiutare nella diagnosi precoce e nell’inizio del trattamento che migliora l’esito.

Allo stesso modo, nella paralisi cerebrale, il sospetto precoce da parte dei genitori può aiutare a iniziare una terapia precoce. Problemi neonatali (convulsioni, ventilazione, problemi di alimentazione), forbici alle gambe, controllo della testa ritardato; sorriso sociale ritardato, preferenza precoce della mano, seduta, tempi di alimentazione prolungati e sbavare o piangere eccessivamente dovrebbero avvisare i genitori di consultare il proprio pediatra.

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla gestione di un disturbo neurologico?

I genitori hanno anche un ruolo importante nell’aderire ai trattamenti consigliati e nel follow-up regolare con il proprio medico. I farmaci come gli antiepilettici non devono essere modificati o sospesi senza il consiglio del medico. Hanno anche bisogno di imparare il piano di cure di emergenza durante un attacco che può essere somministrato a casa oa scuola.

I bambini con disturbo bipolare possono avere effetti collaterali neurologici. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Spesso i genitori devono apportare modifiche alla casa per renderla priva di lesioni, soprattutto per i bambini che cadono frequentemente. Altri imparano anche la riabilitazione domiciliare e forniscono terapie di neurosviluppo poiché visitare centri terapeutici potrebbe non essere sempre possibile per le persone che vivono in aree remote o con vincoli finanziari.

Il ruolo dei genitori è essenziale anche nei disordini genetici in cui possono essere o meno portatori dei geni difettosi. Farsi controllare e una diagnosi prenatale tempestiva può aiutarli ad avere figli normali successivi.

Come mantenere il tuo bambino più sano nonostante i problemi neurologici?

I genitori spesso devono proteggere i propri figli dalla stigmatizzazione e dal bullismo. Non solo devono garantire il rispetto dei farmaci, ma anche fornire supporto emotivo e psicologico al bambino per venire a patti con la sua malattia. Allo stesso tempo, è necessario evitare l’iperprotezione. Molti genitori potrebbero negare la diagnosi del bambino e potrebbero aver bisogno di supporto emotivo e psicologico per accettare la malattia del bambino.

bullismo tra fratelliÈ importante tracciare dei limiti e impedire che tuo figlio sia vittima di bullismo. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Avere familiari e amici allargati di supporto può essere un vantaggio. Alcuni genitori sensibilizzano anche sulle malattie nella comunità e formano gruppi di sostegno ai genitori con o senza l’aiuto di operatori sanitari. Questi gruppi di supporto forniscono anche aiuto emotivo e psicologico ai bambini e ad altri genitori che stanno ancora facendo i conti con la diagnosi del loro bambino.

In breve, i genitori svolgono un ruolo fondamentale nel sospettare la diagnosi e la gestione dei disturbi neurologici nell’infanzia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.