Hai grumi al seno? Ecco come identificare il cancro al seno

Riesci a sentire noduli al seno o tenerezza in loro? Continua a leggere per capire se rappresentano una minaccia per il cancro al seno o meno.

Con i casi di cancro al seno in aumento in India rispetto ai paesi occidentali, è fondamentale prenderci cura del nostro seno tanto quanto ci prendiamo cura di altri organi del corpo. L’autoesame e il controllo di eventuali noduli e dolorabilità al seno sono fondamentali per comprendere la tua salute. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2018 è stato stimato che 627.000 donne sono morte di cancro al seno a livello globale, ovvero circa il 15% di tutte le morti per cancro tra le donne.

I noduli al seno sono senza dubbio una condizione grave e potrebbero essere i sintomi iniziali del cancro al seno. Ma non dovresti preoccupartene perché tutti i noduli al seno non sono cancerosi. Soprattutto nelle donne più giovani, i noduli al seno sono una condizione normale. Tuttavia, si dovrebbe farlo valutare da un medico se è nuovo e si sente diverso.

Come si sentono normalmente i tessuti del seno?

I nostri seni sono composti da tessuti di varie forme, dimensioni e consistenza. Alcuni sono tessuto adiposo, ghiandolare e connettivo. Durante il ciclo mestruale di una donna, anche questi tessuti cambiano rendendo il seno tenero. Anche i tessuti del seno subiscono modifiche con l’età.

Quando i noduli al seno hanno bisogno di attenzione?

Si dovrebbe visitare il medico quando:

  1. Trovi un nuovo nodulo o ispessimento del seno che si sente diverso dal tessuto circostante.
  2. C’è un cambiamento nelle dimensioni, nella forma o nell’aspetto del seno.
  3. Il dolore al seno dura più a lungo.
  4. C’è qualche cambiamento nella pelle vicino al seno, come prurito, arrossamento, desquamazione o increspature.
  5. Il capezzolo è diventato poco invertito
Il trattamento del cancro al seno richiede cure e cautela. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Procedure per valutare i noduli mammari

Il medico potrebbe chiederti di fare alcuni test per ottenere il risultato confermato del nodulo al seno.

  1. Mammografia
  2. Ecografia mammaria
  3. Risonanza magnetica del seno
  4. Biopsia mammaria

Follow-up dopo la valutazione dei noduli mammari

Se il nodulo al seno non è canceroso, il medico deciderà se è necessario un monitoraggio a breve termine con esami clinici del seno o ripetere l’imaging del seno. Potrebbe essere necessario vedere di nuovo il medico tra due o tre mesi. Il medico controllerà di nuovo se ci sono stati cambiamenti nel seno.

cancro al senoL’autoesame può aiutare a rilevare precocemente il cancro al seno. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Se la diagnosi è in dubbio – l’esame clinico del seno e la mammografia mostrano aree di sospetto, ad esempio, ma la biopsia rivela tessuto benigno – verrai indirizzato a un chirurgo o ad un altro specialista per ulteriori consultazioni.
Se il nodulo al seno è canceroso, lavorerai con il tuo medico per creare un piano di trattamento.

Lo stadio e il tipo di cancro al seno decideranno l’ulteriore procedura di trattamento. In genere, viene eseguito un intervento chirurgico se si scopre che il nodulo è canceroso. Prima di eseguire l’intervento, l’esperto spiegherà le opzioni chirurgiche appropriate e ti fornirà le informazioni necessarie per prendere questa decisione. Potresti avere diverse consultazioni con altri medici per un trattamento aggiuntivo, inclusa la radioterapia e la chemioterapia o la terapia ormonale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *