Il digiuno intermittente è sicuro se hai la pressione alta?

Il digiuno intermittente non solo aiuta a perdere peso, ma può anche abbassare la pressione sanguigna e i picchi di zucchero.

Sappiamo già come la perdita di peso sia un obiettivo che la maggior parte di noi persegue e, sebbene ci siano molte strategie che circolano online, non tutto è efficace. Inoltre, ci sono alcune soluzioni che possono aiutare ad affrontare i problemi di salute. Qualche ipotesi? Sì, stiamo parlando di digiuno intermittente. In poche parole, significa mangiare in determinate ore della giornata. Ma è sicuro praticare il digiuno intermittente quando si ha la pressione alta?

La risposta è si. Nel suo recente post su Instagram, la famosa nutrizionista Dr Anjali Mukerjee ha parlato di come si può tranquillamente fare il digiuno intermittente, anche se soffrono di pressione alta. In effetti, ci sono diversi studi di ricerca che dimostrano che questo tipo di digiuno può aiutare a migliorare il tuo cuore e la salute generale abbassando la pressione sanguigna, l’insulina e i livelli di zucchero nel sangue.

Il dottor Mukerjee ha anche rivelato che chi soffre di pressione alta soffre di sindrome metabolica, soprattutto nel caso di chi è in sovrappeso.

Uno studio del 2020 pubblicato sulla rivista Cell Metabolism ha testimoniato il fatto che il digiuno intermittente ha aiutato le donne con sindrome metabolica. Quando le donne mangiavano entro una finestra di 10 ore durante il giorno, avevano una pressione sanguigna più bassa, meno colesterolo e meno picchi di zucchero nel sangue. Infatti, il digiuno intermittente può anche ridurre l’infiammazione cronica.

Dai un’occhiata al suo post su Instagram proprio qui!

C’è un legame tra digiuno intermittente e bassa pressione sanguigna?

Secondo uno studio, a cui hanno partecipato 1422 persone che hanno digiunato per 4-21 giorni, i livelli di pressione sanguigna sono diminuiti. Questo perché si dice che il digiuno aumenti l’attività parasimpatica, che viene anche definita “stato di riposo e digestione”. Questo è ciò che aiuta ad abbassare la pressione sanguigna.

C’è stato un altro studio che ha preso in considerazione 32 adulti, che hanno seguito il digiuno a giorni alterni. Questa abitudine ha contribuito a ridurre la pressione sanguigna, rispetto ai non digiunatori. Hanno mangiato 400-600 calorie nel loro giorno di digiuno e tutto ciò che desideravano negli altri giorni.

Non è tutto: nel 2018, Nutrition and Aging ha pubblicato uno studio su 23 adulti con un regime di digiuno 16:8, che ha anche mostrato una pressione sanguigna più bassa.

Leggi anche: Vuoi sapere tutto sul digiuno intermittente? Un esperto ti riempie

Verificare con il proprio medico prima di intraprendere qualsiasi dieta del genere! Immagine per gentile concessione: Shutterstock.

Cos’altro tenere a mente prima di iniziare il digiuno intermittente?

Il digiuno non è appropriato per tutti. Non provarci se:

* Hai una storia di disturbi alimentari
* Sei incinta o stai allattando
* Hai più di 65 anni
* Hai meno di 18 anni
* Hai una storia di bassa pressione sanguigna.
* Prendi dei farmaci

Leave a Reply

Your email address will not be published.