L’endometriosi può attaccare altri organi? Un esperto ti racconta tutto!

Per celebrare la settimana di sensibilizzazione sull’endometriosi, esaminiamo se questa condizione può ostacolare la salute degli altri organi.

L’endometriosi è una condizione misteriosa che colpisce molte donne. Può interessare circa il 10% delle donne nella fascia di età riproduttiva, a partire dall’adolescenza. E in questa settimana di sensibilizzazione sull’endometriosi, parliamo di un aspetto intrigante della condizione.

Purtroppo, è una malattia cronica e può influire sulla qualità della vita di molte donne. Non è un’infezione o un cancro e di certo non è contagioso. Il paradosso di questa condizione è che una malattia lieve può causare sintomi gravi e una malattia grave può causare sintomi lievi o assenti.

La consapevolezza sull’endometriosi è d’obbligo. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Quali sono i sintomi dell’endometriosi?

I sintomi dell’endometriosi sono molti. I sintomi comuni sono:

* Dolore prima del ciclo,
* Dolore pelvico e pesantezza
* Dolore pelvico profondo durante il sesso
* Sanguinamento mestruale pesante o prolungato
* Gonfiore
* Dolore durante il passaggio di movimenti o urina
* Incapacità di concepire

I sintomi dipendono dall’organo di coinvolgimento. Ad esempio, se ci sono depositi di vescica, potrebbe esserci sangue nelle urine durante il periodo.

Quali sono le cause dell’endometriosi?

Sebbene siano state proposte molte teorie sulla causa, la teoria spesso citata è che vi sia un riflusso del sangue mestruale durante il periodo attraverso i tubi con deposizione del sangue endometriale e delle ghiandole in vari siti del bacino e dell’addome.

Queste ghiandole rispondono agli ormoni che regolano il ciclo mestruale che a loro volta causano i sintomi dell’endometriosi.

È davvero intrigante che l’endometriosi possa interessare quasi tutti gli organi della regione pelvica e addominale. La ricerca sui dati chirurgici mostra che il sito più comune è l’ovaio seguito dal tessuto molle addominale.

Leggi anche: PCOS ed endometriosi NON sono la stessa cosa! Conosci la differenza

endometriosiQuesta condizione può avere vari sintomi comuni che potresti tendere a ignorare. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Anche la vescica urinaria e vari siti dell’intestino possono essere colpiti. È interessante notare che queste ghiandole mostrano un’affinità con cicatrici come la cicatrice del taglio cesareo e la cicatrice dell’episiotomia (taglio praticato durante il parto vaginale).

Inoltre, i siti pelvici sono comuni, anche i siti extra-pelvici sono coinvolti in circa il 3-4%. Questi includono la vulva (parti private di una donna), la vagina (il canale del parto o il passaggio anteriore) e la cervice (collo dell’utero).

È interessante notare che, anche se raramente, le ghiandole possono raggiungere le ghiandole surrenali (sedute sui reni), i polmoni, la pelle e persino il cervello.

La teoria delle mestruazioni retrograde non spiega questa ampia diffusione dell’endometriosi nel corpo. Un’altra teoria afferma che potrebbe derivare dalla diffusione attraverso i vasi sanguigni e linfatici.

Leggi anche: Combattere l’endometriosi? Assicurati di non cadere preda di questi miti

Come diagnosticare l’endometriosi?

A causa dei vari sintomi dell’endometriosi, potrebbe essere difficile diagnosticare precocemente la condizione. Pertanto, l’operatore sanitario deve essere consapevole della relazione tra il sintomo e il periodo e anche eseguire le indagini appropriate.

L’ecografia potrebbe non rilevare l’endometriosi a meno che non sia presente una cisti endometriosica nell’ovaio. Tuttavia, se fatto in un centro dove c’è esperienza nella gestione dei casi di endometriosi, è possibile ottenere una diagnosi precoce.

Questa malattia cronica non ha una cura definitiva. La gestione dipenderebbe dai sintomi ed è mirata al sollievo del sintomo malato.

La consapevolezza della condizione, la diagnosi precoce e la gestione possono rallentare o addirittura arrestare la progressione naturale della malattia. Anche il carico dei sintomi e l’effetto sulla qualità della vita possono essere migliorati.

Leave a Reply

Your email address will not be published.