Qual è la linea sottile tra il dumping emotivo e lo sfogo sano

Pensi che un amico o un collega si sfoghi continuamente, senza tenere conto delle tue emozioni? Potresti essere una vittima di dumping emotivo!

Sfogarsi dopo una brutta giornata di lavoro può darti sollievo, ma se ti ritrovi a farlo, o qualcun altro, senza avere alcuna considerazione per lo stato emotivo o i sentimenti di un’altra persona, stai chiaramente indulgendo in un dumping emotivo. Potrebbe anche essere che tu sia la vittima!

In un recente post su Instagram, la dottoressa Nicole LePera, popolarmente conosciuta come la psicologa olistica, parla di più del dumping emotivo. Ecco cosa scrive, “
Il dumping emotivo è un modello incredibilmente comune (spesso che crea dipendenza) di rivivere un’esperienza emotiva passata nel presente. Di solito, la maggior parte delle persone non è consapevole della realtà che stanno facendo questo. In realtà stanno cercando una connessione”.

Essere scaricati emotivamente può essere eccessivamente frustrante e prosciugare le tue energie. Può anche farti sentire impotente, perché di solito non c’è molto che puoi fare. Questo perché vuoi essere lì per qualcuno, ma ti logora anche. Potresti voler scappare o, in alcuni casi, il tuo corpo potrebbe sentirsi teso.

Essere emotivamente disponibili non è poi così male. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

“Questo perché il dumping emotivo non è la ricerca di una soluzione. La connessione autentica implica intimità emotiva, non lamentele croniche”, aggiunge.

Come si può affrontare il dumping emotivo?

La dottoressa Nicole dice che il modo migliore per affrontarlo è porre dei limiti al dumping emotivo per proteggere la nostra energia e il nostro stato emotivo. Ecco alcune cose che puoi dire, se vieni scaricato emotivamente:

1. “Posso sicuramente capire perché questo è così sconvolgente. Sembra che questo stia continuando ad accadere e, onestamente, non sono in un buon spazio emotivo per essere una tavola armonica in questo momento. Ho molte cose da fare”.

2. “Ci tengo molto a te e sentire parlare di questa situazione mi fa sentire impotente. C’è un modo per trovare una soluzione? In caso contrario, non posso davvero continuare questa conversazione in questo momento”.

3. “Ho notato che la maggior parte delle nostre conversazioni ruota attorno a questo problema. Potremmo forse parlare di qualcos’altro a cui entrambi siamo più interessati o collegati? “

salute emotivaChi non ha bisogno di alcuni pilastri di supporto emotivo? Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Che cos’è lo sfiato?

D’altra parte, quando ti sfoghi, l’ascoltatore sostiene un’altra persona attraverso le sue risposte, mostra empatia e ascolta attivamente. Durante lo sfogo, la persona è consapevole dello stato emotivo dell’ascoltatore. La conversazione è piuttosto autoriflessa che reattiva. Cerca anche soluzioni e feedback onesti.

Ecco alcuni segni di una sana ventilazione:

  • Il tuo benessere emotivo è considerato dal tuo amico
  • Puoi anche decidere quando si svolge la conversazione e se lo fa
  • Vuoi davvero ascoltare e aiutare
  • Puoi fornire feedback, consigli o essere un ascoltatore attivo.
  • Ritieni che il tuo feedback e i tuoi consigli siano apprezzati
  • Entrambi vi sentite apprezzati e rispettati dopo che la conversazione è finita

Leave a Reply

Your email address will not be published.